Cosa puoi realizzare con il cartongesso e cosa evitare!

Penserai: “ma che sarà mai il cartongesso?”. Un semplice pannello dal costo non elevato. Che però ti permette di fare tutto quello che vuoi.

Esatto! Proprio così!

E infatti ci sono vari tipi di cartongesso per le applicazioni più diverse: controsoffitti, rivestimenti di caminetti, creazioni di cabine armadi, lavabi, pareti attrezzate, divisori e contropareti con l’aggiunta di materiali termoacustici, pareti antincendio fino alla costruzione a secco di un immobile e ai complementi d’arredo. Naturalmente per gli ambienti esterni si usa un tipo di pannello diverso nei materiali e nella composizione di quello che viene utilizzato all’interno.

Bene, adesso sai cosa si può creare con il cartongesso, ma bisogna trovare l’applicatore giusto che sappia posarlo in modo da non avere problemi in futuro ed evitare di dire che il cartongesso fa schifo.

Ed è qui che iniziano i problemi! Si, perché se ti affidi ad un posatore poco esperto il guaio è presto fatto.

Infatti nella lavorazione il posatore deve utilizzare tutta la sua esperienza e manualità e se non monti bene la struttura con gli adeguati accorgimenti, se non monti bene le viti, puoi rischiare che all’improvviso ti cada addosso, per non parlare della stuccatura dove di pasticci se ne vedono di ogni tipo, con ondulazioni e imperfezioni, sigillature dei giunti precarie o spigoli gli angoli pericolosi e taglienti.

Il cartongesso è un gran bel materiale che ti permette di realizzare strutture che con altri materiali non è possibile, tra l’altro è un materiale naturale perché viene utilizzata la roccia di gesso estratta da giacimenti naturali, in particolare quello che uso io che è della Gyproc.

Ora vi elenco alcune caratteristiche del gesso che questa azienda utilizza:

– Privo di fibre e componenti tossici

– E’ ignifugo

– Non si corrode

– E’ realizzato con materiali atossici

– E’ lavorabile senza l’utilizzo di protezioni, quindi i costi di realizzazione vengono abbatturi

– E’ duttile e flessibile,

– Ha ottime caratteristiche meccaniche incrementate con agenti indurenti, reti o fibre sparse.

Purtroppo ancora oggi le persone hanno timore a realizzare i divisori in cartongesso, dico i divisori perché per i controsoffitti non si creano il problema, poiché lo vedono come un materiale fragile per le pareti, invece vi posso garantire che un divisorio in cartongesso è molto più resistente di uno in muratura anche perché ci sono diversi tipi di cartongesso.

Quali sono i privilegi di un divisorio fatto con il cartongesso? Si può inserire all’interno della struttura un isolante acustico così non si trasmettono i rumori da una stanza all’altra, è facile e veloce da applicare, non bisogna fare tracce per impianti elettrici e idrici, non bisogna aspettare che asciughi l’intonaco per tinteggiare, bisogna solo stuccarlo e rasarlo a regola d’arte e tinteggiarlo, ma soprattutto si possono appendere i pensili e i sanitari sospesi. 

Comunque voglio darvi delle buone notizie: ogni anno questo materiale aumenta sempre le vendite quindi vuol dire che c’è molta propensione all’utilizzo del cartongesso, e prova ne è che si stanno costruendo immobili n tra cui il Palazzo della Regione Puglia.

Bene ora la scelta sta a voi di come volete realizzare la vostra ristrutturazione o la vostra nuova casa.

Perchè alcuni imbianchini non ti fanno dormire la notte?

Ricordo quando ho iniziato a fare questo lavoro ben 28 anni fa il 99% dei lavori erano lavori con finiture decorative ed era necessaria tanta pazienza e precisione, perché erano lavori di altissimo pregio.

Infatti bastava commettere una lievissima imprecisione oppure sbagliare solo di pochi minuti i tempi di asciugatura e la parete veniva irrimediabilmente macchiata. Ovviamente a quel punto eri costretto a rifarla, quindi per ottenere ottimi risultati dovevi dimostrare un’alta professionalità.

Tutti questi tipi di pitture sono scomparsi per lasciare il posto a nuove decorazioni, se vogliamo anche più semplici nell’applicazione perché non richiedono una regola ben precisa da seguire.

Tanto che viene scelta da alcuni imbianchini che si possono tranquillamente considerare più caserecci che professionali e che scelgono pitture fai – da – te.                                                  

Da un bel poco di anni è esploso il boom del total white. E’ qui dove gli architetti, i designer preferiscono lo smalto ad acqua com’è giusto che sia altrimenti la parete bianca dura “da Natale a S. Stefano”, come si dice in Puglia!

Ma usando uno smalto ad acqua specialmente di ottima qualità il rischio è di fare un disastro, perché lo smalto ad acqua mette in evidenza tutti i difetti del sottofondo e se non fai una buona preparazione alla base combini solo dei guai.

Qui si potrebbe aprire un mondo perché potrei parlarti per settimane intere spiegandoti come preparare la base, che materiali usare per fare un buon lavoro e darti tante informazioni importanti.

Invece  di solito gli imbianchini usano lo smalto che costa meno, perché ormai ti fanno i conti in tasca e quindi l’imbianchino di turno per prendere il lavoro o per guadagnare di più ricorre a queste alternative.

Tutti sono liberi di scegliere come lavorare e quali materiali utilizzare.

Anche io sono libero e ho i miei metodi. Infatti prima di arrivare ad usare un prodotto lo testo diverse volte, eseguo le mie verifiche, e se è OK dopo ripetute verifiche e applicazioni, continuo ad usarlo. Altrimenti, anche se c’è un minimo dettaglio che non mi convince… VIA!

Li ho provati anch’io questi prodotti scadenti e vi posso assicurare che il lavoro che ne vien fuori è pessimo come il prodotto stesso!

A proposito di rasatura e tinteggiatura… Oggi sto eseguendo una semplice tinteggiatura di una camera per ragazzi. Per me, anche un piccolo lavoro come questo è u’occasione di creatività e di esperienza e lo faccio con molto piacere. Ad un certo punto, mentre passavamo una mano di prodotto fissativo, il muro ha iniziato a fare tante bollicine. Io mi sono sorpreso, ma poi ho capito il perchè.

Vuoi sapere cosa è successo? La volta precedente era stato usato uno stucco in pasta di bassissima qualità. Per andare avanti nei lavori siamo andati ad eliminare questo problema che all’epoca non aveva dato nessun difetto sul momento. Ma è bastato andare a tinteggiare sopra per far emergere dei grossi problemi.

Il lavoro va valutato nel tempo perché al momento della consegna dei lavori sembra tutto perfetto, ma i problemi si presentano in un secondo momento. Soprattuto dopo che l’imbianchino ha finito il lavoro e in quel momento tu sei soddisfatto!

E’ proprio questo ciò che consiglio ai miei clienti, e prendo ad esempio questa casa  che era meglio se fosse rimasta con l’intonaco originale.

Quindi a volte è meglio passare una semplice pittura anche senza rasatura piuttosto che fidarsi di chi ti dice che ti fa la rasatura e poi ti rovina le pareti.

A volte ricevo telefonate di persone che vogliono farsi tinteggiare casa e la prima cosa che mi chiedono è: “Quanto chiedi al mq per rasare e pittare?”

Signori miei ma di cosa stiamo parlando?

Come si fa a dire un prezzo per telefono senza nessuna valutazione?

“Volevo sapere quanto si spende altrimenti è inutile che vediamo se il prezzo non mi va bene perdiamo solamente tempo”

Ovviamente nessuno vuole perdere tempo e io sono il primo ad avere rispetto del tempo degli altri e del mio.

Ma è anche vero che non si può fare una valutazione su una base del nulla: ho bisogno di capire in che condizioni sono i muri, i materiali che ti posso consigliare in base alle tue esigenze.

Cosa voglio dire con questo? Voglio dire che la professionalità, le doti naturali, la passione, la vena artistica (per chi ce l’ha), deve conoscere quante più cose possibili per avere un risultato sorprendente, e per avere risultati sorprendenti devi conoscere la materia prima, il trucco del come e perché usare un determinato prodotto e si deve semplicemente applicare a tutte le finiture che fai. In questo caso non avrai nessun problema, posso dormire tranquillo la notte.

E anche il mio cliente potrà farlo perché è tranquillo che tutto andrà per il verso giusto!